Non tutti i bastardi sono di Vienna di A.Molesini


“Il Terzo Fidanzato della nonna aveva i piedi troppo grandi per essere considerato intelligente. Scemo non era, perché sapeva oziare con grazia e costanza, ma...”
.
«Maggiore, la guerra è assassinio, sempre... voi ora volete solo dare un esempio: uccidere dei signori non è come uccidere dei contadini! Negando la grazia voi contribuite... sto dicendo voi, barone von Feilitzsch, perché qui ci siete voi... contribuite a distruggere la civiltà di cui voi ed io... e questo ragazzo... facciamo parte, e la civiltà è più importante del destino degli stessi Asburgo, o dei Savoia».





Questo primo romanzo di Andrea Molesini, ci racconta l’Italia durante la Grande Guerra, o meglio quella parte d’Italia che fu fronte dopo la ritirata di Caporetto, l’Italia del Piave. Ma non è un romanzo retorico, anzi tutt’altro, con crudezza viene raccontata la storia di un ragazzo diciassettenne che senza volerlo diviene di colpo uomo.

La vicenda ruota attorno alla famiglia Spada che, nella propria villa sita vicina al Piave, ospiterà, suo malgrado, un corpo di comando dell’esercito nemico. Nella villa vive Paolo (il protagonista e che funge da voce narrante del romanzo) rimasto orfano precocemente di entrambi i genitori; i nonni Gustavo e Nancy, due personaggi stravaganti: lui scrittore mancato e lei matematica per passione e collezionista di clisteri.

Nella stessa casa, convivono il personale di servizio: Teresa la cuoca tuttofare e sua figlia Loretta, Renato il custode da un passato sconosciuto. Dirige la vita a villa Spada zia Maria, zitellona che ama più i cavalli degli uomini e sa amministrare a differenza dei due eccentrici nonni, le proprietà della famiglia. Personaggi di contorno il prete del paese e la giovane e bella Giulia di cui Paolo s’invaghisce.

Col susseguirsi degli eventi bellici, anche la vita in casa Spada si muoverà di pari passo, svelando via via nel romanzo la vera natura dei personaggi.

In questo romanzo s’impara una parte della storia che difficilmente a scuola si racconta: quella della fame, della crudeltà gratuita, dello scontro generazionale e sociale che intaccava sia oppressi che oppressori.

Particolare che mi ha colpito del romanzo sono gli odori: Molesini con la sua narrazione oltre a farci vedere cosa fu la grande guerra ci fa sentire anche che odore aveva, odore di morte, di sgomento, di sporcizia, di piscio.

Ed anche in questo romanzo, come spesso nella vita, vince la centralità della donna, che con la sua debolezza apparente, riesce sempre a rimaner un'ancora di salvataggio, una figura a cui aggrapparsi, nel naufragio causato dall’uomo.

Commenti

  1. contadino acculturato24 novembre 2010 15:32

    eppure il detto
    "scarpe grosse e cervello fino"
    lascia intendere qualcosa di
    completamente diverso riguardo al 3° fidanzato della nonna ...
    ma forse il detto intendeva qualcos'altro di grosso
    ;-))

    RispondiElimina
  2. in alcuni momenti è pure ironico ... specialmente il nonno nel riguardo del terzo fidanzato e dei preti ... ;-)

    RispondiElimina
  3. bene
    è stato corretto il refuso
    ;O))

    qui Gutenberg a voi studio

    RispondiElimina
  4. Elkan..ederlo è troppo forte
    un triplo hurrà
    ;-))

    RispondiElimina
  5. 'stardi....:-)))

    grande recensione me lo accatterò.

    RispondiElimina
  6. più che accattarlo esci o scendi
    le tue molteplici e innumerevoli
    oniriche visioni
    il web ti aspetta!!

    RispondiElimina
  7. adesso ci penso.... da quando ho figli avrò letto 3 libri...

    posso riesumare qualcosa di mio....

    RispondiElimina
  8. pensa sto libro sono entrato in libreria a Verona ed era nel tavolo dove di solito si presentano le novità ... e l'ho preso su ... la mia amica mi fa "ma Maurizio lo conosci quest'autore?" "no, ma mi piace il titolo" ... ecco come scelgo i libri ... ;-)

    RispondiElimina
  9. va detto che Sellerio è una della case editrici che più sta investendo nei giovani autori ... diciamo l'Arsenal degli editori italiani ... ;-)

    RispondiElimina
  10. riesuma .. riesuma ..
    fumetta ... fumetta ..

    RispondiElimina
  11. sellerio fa quasi solo roba buona...

    poi c'è einaudi...

    che poi è mondadori...

    poi fanucci....

    quelli di lansdale per intenderci...

    RispondiElimina
  12. roba interessante anche minimunfax ... sopratutto straniera contemporanea ... ma lansdale non è pubblicato da Mondadori?

    RispondiElimina
  13. l'ultimo di hap e leonard 'sotto un cielo cremisi' è uscito per fanucci... ora che guardo sono un po' di einaudi e un po' di fanucci.

    RispondiElimina
  14. di feltrinelli mi piaceva benni, ora è tanto che non leggo qualcosa di suo

    RispondiElimina
  15. carlotto con e/o o einaudi ... sto leggendo perdas de fogu ... pelle d'oca ... perchè vero quello che scrive ... come ama la sardegna comunque ...

    RispondiElimina
  16. a novembre esce il nuovo e ultimo eymerich...

    RispondiElimina
  17. titolo da brividi ...
    chiederò al Venerabile Jorge
    se possiamo leggerlo

    RispondiElimina
  18. letto cherudeck ... evangelisti mi stupisce ogni volta di più ...

    RispondiElimina
  19. comunque Tortuga + Veracruz vanno letti assolutamente ... se fossi professore di storia li userei come ausilio all'insegnamento ...

    RispondiElimina
  20. in che senso ti stupisce evangelisti

    RispondiElimina
  21. tieni presente che lui è uno storico e storiografo

    RispondiElimina
  22. per come riesce a creare i romanzi con attinenze storiche precise ... in tortuga e veracruz fa divenire un libro di storia un romanzo e viceversa ... per non parlare in cherudek che fa collimare assieme più epoche storiche ... una padronanza degli argomenti unica ...

    RispondiElimina
  23. ragà siete riusciti a farmelo amare pur senza conoscerlo
    dovrò decidermi a leggerlo sto evangelisti .. nomen omen
    ma quanti so' quattro???

    RispondiElimina
  24. caro zio minkia ... pensa il legame mistico col carca ... senza saperlo eravamo entrambi adepti dell'evangelico bolognese ... ;-) ... poi arrivasti tu ... il magister del conero ... e divenimmo la trinità ... o meglio le tre faccie di ecate ... ;-)

    RispondiElimina
  25. sagrestano di mare25 novembre 2010 13:23

    un ecatombe!!
    ;-))

    RispondiElimina
  26. ottimo Gobbo...;-) le tre facce di ecate siamo pronti per una pira solenne sul mastio del castello...

    RispondiElimina
  27. bel libro peccato che non so' leggere

    RispondiElimina
  28. vado alla Mondadori a prendermi l'evangelisti mancante ... ma a differenza del carca lo leggerò ;-)

    RispondiElimina
  29. t'è arrivata anche a te la lieta novella mms
    ehehee

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

Color Tex N.11 - COWBOYS

Il Grande Blek - Raccolta n. 14

Gli sterminatori

Blek il nemico dei Piedi Neri

Il Grande Blek – raccolta n. 100