Povera Patria. di F.Battiato

Franco Battiato
Come Un Cammello In Una Grondaia (1991)
Povera Patria
.
Povera patria! Schiacciata dagli abusi del potere
di gente infame, che non sa cos'è il pudore,
si credono potenti e gli va bene quello che fanno;
e tutto gli appartiene.
Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni!
Questo paese è devastato dal dolore...
ma non vi danno un po' di dispiacere
quei corpi in terra senza più calore?
Non cambierà, non cambierà no
cambierà, forse cambierà.
Ma come scusare le iene negli stadi e quelle dei giornali?
Nel fango affonda lo stivale dei maiali.
Me ne vergogno un poco, e mi fa male
vedere un uomo come un animale.
Non cambierà, non cambierà
si che cambierà, vedrai che cambierà.
Voglio sperare che il mondo torni a quote più normali
che possa contemplare il cielo e i fiori,
che non si parli più di dittature
se avremo ancora un po' da vivere...
La primavera intanto tarda ad arrivare



Commenti

  1. questa è un entrata da cartellino rosso ma ti perdono e ti volgio bene lo stesso ..
    ma cazzarola proprio oggi??
    in contrapposizione palese e poi
    per mano "amica" di uno dei miei
    preferiti cantautori
    ferita peggiore non potevi farmela
    :(
    Viva l' Italia
    :)

    RispondiElimina
  2. nessuna entrata fallosa ... ma decisa , come in premiere league ... zio invidio il tuo entusiasmo per una festa che io non sento ... ho un fratello che sta in belgio e dell'italia ha una nostalgia pari a zero ... un cugino che sta in irlanda e sembra che nemmeno lui abbia voglia di tornarci e ci ha fatto pure un figlio li ... un'altro che sta negli stati uniti e pure lui ci ha fatto un figlio li ... mariello che da quando è nata sua figlia le sta dicendo di andarsene ... io che invidio mio fratello che se ne è andato ... che ha avuto il coraggio di mandare a fankulo questo paese che non sa neanche programmare una festa nel calendario e tra il resto sceglie quella sbagliata ... cazzo vuoi che festeggia?
    poi però mi passa a leggere il tuo ottimismo ... ma forse tu italiano lo sei veramente ... io no ...

    RispondiElimina
  3. anch'io mi sento nu tantino disadattato sia nella mia condizione di calabrese e da un po' di anni anche in quella di italiano...

    poi che l'italia resti un paese meraviglioso dal punto di vista estetico e con una grande e quasi unica storia alle spalle non ci sono dubbi, ma molto è stato fatto da singoli individui (grandi poeti, e artisti in generale che hanno fatto la storia dell'umanità e quelli che li hanno seguiti nei giorni nostri stanno distruggendo tutto)

    poca corporazione perchè effettivamente non siamo uniti...

    vabbò mi sono un po' perso ma credo che il concetto sia abbastanza chiaro...

    forse è pure colpa mia ma non solo...

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

Color Tex N.11 - COWBOYS

Stanlio & Ollio

Il Grande Blek

I dodici Cesari

Il Grande Blek – raccolta n. 100