Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2011

Io e Te. di N.Ammaniti

Immagine
Lorenzo è un ragazzo di quattordici anni introverso. troppo. Non ama stare con gli altri. Ama il suo mondo. Dove esiste solo lui, i libri di Stephen King ed i videogiochi. Lorenzo è stato invitato a passare una settimana bianca a Cortina. E lui accetta. O così almeno crede sua madre, la quale è felicissima: forse il figlio sta guarendo. Ma Lorenzo ha ingannato tutti ed è rinchiuso nella cantina di casa, dove passerà una settimana da solo, come ama. Un giorno però arriva nel suo mondo, o meglio nella cantina Olivia la sorellastra che da molto tempo non vedeva. Olivia è una tossica. Olivia si prostituisce per la droga. Olivia ha venduto la sua vita per dimenticarla, la vita. In questa convivenza forzata i due cominceranno a conoscersi ed a superare le proprie paure. Ma poi si devono lasciare, la settimana bianca è finita. Saranno guariti?
Ancora una volta Ammaniti, sebbene in un romanzo di poche pagine, riesce a colpirti nel profondo, con cazzotti allo stomaco che fanno male, ma si sa la veri…

Acqua in Bocca. di Camilleri e Lucarelli

Immagine
Scontro - Incontro tra due tra i maggiori giallisti italiani: Camilleri - Lucarelli.
E di conseguenza i loro personaggi di maggior successo: il commissario Salvo Montalbano - l'ispettrice Grazia Negro. La storia inizia con un omicidio alquanto insolito : la vittima viene ritrovata con un pesciolino in bocca. E capitolo dopo capitolo i due personaggi si aiutano nel risolvere lo strano caso mentre i loro autori si scontrano in modo amichevole in una partita scacchi in cui ognuno col proprio stile cerca di mettere in difficoltà l'altro.  Il risultato finale è avvincente e da leggere tutto d'un fiato.




All’ispettore capo  Grazia Negro  Squadra Mobile  Questura di bologna Cara Grazia Negro, 
ho ricevuto la tua lettera e gli allegati.  Sono molto indeciso se darti una mano o no perché tu mi sembri una che le rogne va a cercarsele. E la rogna è contagiosa. Non mi riferisco al fatto che tu voglia portare avanti un’indagine che ti è stata espressamente vietata dai tuoi superiori, questo semmai…

Machiavelli

Immagine
È davvero meritata la fama obliqua che da secoli accompagna Machiavelli? Quali sono i punti di vista sulla politica e la moralità politica che il Segretario fiorentino pone in opera? Per rispondere a queste domande l’autore prende in esame la carriera politica di Machiavelli e discute il «Principe», i «Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio» e le «lstorie fiorentine» collocandoli nel contesto culturale e storico in cui furono scritti. Mettendo a frutto i suoi studi maggiori, Skinner, (che non è il preside dei Simpson) con grande chiarezza espositiva, mostra come gli aspetti più originali del pensiero machiavelliano debbano essere interpretati quali reazioni polemiche, e a volte satiriche, ai valori umanistici che Machiavelli aveva ereditato e che in parte continuò a professare. L’opera del pensatore che più di ogni altro ha influenzato la tradizione politica moderna viene quindi inserita in una precisa corrente di repubblicanesimo classico. Un libricino di 100 pagine edito da Il M…

Justine

Immagine
o le sventure della virtù
L’esito più trionfale della fìlosofia sarebbe il riuscire a far luce sugli oscuri cammini di cui si serve la provvidenza per raggiungere i suoi fini relativi all’uomo, e il riuscire altresì a tracciare su tali basi dei piani di condotta, atti a far conoscere a quest’infelice bipede, perpetuamente sballottato dai capricci di quell’essere che si dice lo diriga tanto dispoticamente, la maniera in cui deve interpretare i decreti di codesta provvidenza che lo riguardano, e il cammino che gli è opportuno seguire per scampare ai capricci bizzarri di quella fatalità cui si danno venti nomi diversi, senza peraltro riuscire a definirla....
"Ho scritto un libro troppo immora|e... capace di appestare il diavolo...". Così si pentiva il ‘Divino Marchese’, Donatien De Sade, per aver scritto l’opera che oggi è diventata un classico prezioso, una tra le più rappresentative espressioni della letteratura settecentesca. ln realtà De Sade non intendeva rinnegare il suo la…