Dizionario delle cose perdute. di F.Guccini

“Una volta, si poteva andare dal tabacchino, comprare una sigaretta – una sola – e fumarsela dove meglio pareva: non c’erano divieti, e i non fumatori erano una gran brutta razza”

Viaggio nella memoria e nel "stavamo meglio quando stavamo peggio" del grande Francesco Guccini.
Un libro che si legge tutto d'un fiato, al fresco dell'ombrellone in questo caldo luglio, e che ci porta a conoscere una parte di storia contemporanea fatta di piccole cose, che oramai sono andate perdute.
E allora il buon Francesco ci ricorda che una volta si facevano le foto ai bambini con la "banana" ed a culo scoperto, le punture si facevano con le siringhe di vetro, al cinema si fumava e il frigorifero era una rarità.
E che dire dell'immagine di copertina con le "Nazionali Esportazione"? Sparite come chi le fumava ...


Commenti

  1. quando arrivarono le nazionali esportazioni col filtro poi fu una vera e propria conquista sociale e pian piano da sfuse si avevano i soldi per comprarne un pacchetto
    ricordo mio zio tabaccaio che anche la domenica a pranzo si alzava dal tavolo che un cliente chiamava per due sigarette (dopo pranzo domenicale) che venivano messe in una bustina di carta velina ...
    io mi ricordo .. amarcòrd ;-))

    RispondiElimina
  2. le nazionali (una N blu su pacchetto bianco) senza filtro erano le più popolari ma c'era anche chi era costretto a fumarsi le ALFA le più economiche di tutte che non erano fatte con tabacco ma con l'erba alfa-alfa dalla quale prendevano il nome
    c'erano anche le GIUBAK economiche e al tempo esotiche con la sfinge sul pacchetto
    c'erano anche vecchi che fumavano di tutto nelle loro pipe di coccio (anche foglie di geranio appassite) e noi ragazzini venivamo reclutati per raccogliere cicche e portargliele che poi ne estraevano sfarinandole il poco tabacco per metà combusto e se lo .. pippavano mentre noi li guardavamo con quei capelli bianchissimi e visi rugati dalla salsedine di una vita spesa in mare e sotto il sole e dalle loro bocche dense spirali bianche li avviluppavano con noi seduti a terra estasiati a guardarli

    RispondiElimina
  3. zio ricordo che nell'anno passato come OdC alla casa di riposo, ero addetto dalle suore a distribuire le sigarette ai vecchietti ... li ricordo come ieri (era il 1994) ... ai gemelli le lido blu, al Ferrari le alfa, ad Aldo le Stop senza filtro, a Giacomo il tabacco da pipa, a Remigio le Marlboro, a Renato le nazionali, a Franco i sigari Garibaldi ... in questo modo ero entrato in contatto con loro, e da loro ho avuto la confidenza di farmi raccontare le loro storie ... ho qualche foto loro custodita gelosamente (in b/n a 1200 Asa) ... quello che mi hanno dato loro a livello umano in quell'anno, in pochi sono riusciti ... anche se non ho fatto il militare, dopo quell'anno mi sono sentito uomo, grazie a loro ... ogni tanto vorrei buttar giù qualche riga e raccontare la loro storia ... che in parte è anche la mia ...

    RispondiElimina
  4. ...e c'erano le STOP che fumava mio nonno e con esse volò via la mia adolescenza, e poi c'erano quegli imprenditori tutto di un pezzo che a ricordarli oggi cadono le lacrime copiose che oggi ad aprire un rubinetto contro al muro vieni circonciso dall'ASL di turno (se và bene) e arrestato in flagranza di reato se và male.
    Poi, e io le ricordo bene. c'erano le '125 Primavera' by Piaggio (senza casco) e poi c'era il 'CIAO' (da tamarro con la sella lunga) che si faceva la gara tenendo la testa bassa fendendo l'aria.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. su questo libro Nice, al massimo avevano o un Capriolo o un Galletto ... :D

      Elimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

Color Tex N.11 - COWBOYS

Il Grande Blek - Raccolta n. 14

Blek il nemico dei Piedi Neri

Color Tex N.10

Il Grande Blek – raccolta n. 95