Color Tex N.11 - COWBOYS


Color Tex nr. 11 COWBOYS

N ei pressi della Pista Chisolm nel Texas settentrionale, Tex e Carson arrivano giusto in tempo per godersi con dei mandriani del buon stufato con fagioli. Diretti a Fort Worth e da lì in Arizona i nostri sono stati accolti in un bivacco di cowboys alle prese con un Cattle Drive, uno spostamento di bestiame, Longhorns, con destinazione Caldwell dove saranno venduti. Il proprietario è Alan Bannon a dimostrazione che il mondo è piccolo e a volte ci si rivede con piacere essendo guarda caso amico del vecchio Kit. Uomo che ha fatto di tutto nella vita compreso lo sceriffo e che da qualche anno si era messo in testa di fare una vita più tranquilla commerciando in bestiame dopo aver acquistato un ranch. Dopo cena, ripreso il cammino, Tex si accorge di strani movimenti che lasciano presagire il peggio per la mandria e si precipita subito indietro mentre Bannon e i suoi sono sotto attacco di un nutrito gruppo di razziatori di bestiame. Per i cowboys le cose buttano subito male e solo il provvidenziale intervento dei nostri scongiura il peggio. I razziatori spaventati dalla potenza di fuoco e dalla straordinaria mira di quei due forsennati se la sono squagliata lasciando sul terreno numerosi uomini e rimanendo in soli cinque elementi. A loro penseranno dopo i nostri pards che debbono seppellire i morti e constatare che Bannon è rimasto con un ragazzo alle prime armi e un vecchio cuoco peraltro ferito al braccio. Ma buon per lui i nostri si offrono di aiutarlo col bestiame avendo molta dimestichezza con quel lavoro e ben presto Bannon si accorge che valgono almeno dieci cowboys. Ma il capo dei razziatori li sta ancora seguendo mantenendosi a debita distanza favorito dalle tracce facili che si lascia dietro la mandria e nell'attesa di portare a termine il suo piano iniziale. Non sa però di essere spiato con discrezione da un gruppetti di Comanches che, avendo la mandria attraversato il loro territorio, sono allettati dalla possibilità di procurarsi del cibo vista la scarsità del medesimo in quei luoghi. Per cui si avvicinano anche alla mandria senza aspettarsi che Tex, altrettanto abile e sensibile ai segnali della natura, non li scopra e li sfidi apertamente presentandosi come Aquila della Notte. Impauriti i Comanches e constatato che la fama che precede il capo bianco dei Navajos è vera visto il suo coraggio sprezzante nell'affrontarli senza alcuna paura, decidono di accettare la sua proposta di pace consistente in un paio di capi di bestiame che sfameranno la loro tribù, in cambio gli indiani gli confidano di essere ancora pedinati dai bianchi malvagi.


Tex allora decide di far loro una visitina notturna e scopre con Bannon che l'uomo che lo sta seguendo è un certo Gary Mullaney col quale ebbe a che fare quand'era sceriffo. Costui offese la sua ragazza e Bannon lo conciò per le feste e siccome aveva anche rapinato una banca lo mandò in prigione per dieci anni. Ecco spiegata quindi la sua sete di vendetta, ma nonostante sia stato sorpreso nel bivacco dai nostri, riesce a fuggire lasciando i suoi ultimi compari a mangiare terra in eterno. Conta di aspettarlo a Caldwell e con un paio di vecchie conoscenze, di fargliela pagare e rubargli anche il gruzzolo che ricaverà con la vendita del bestiame. A destino Bannon, che ha ricevuto una strana lettera dalla sua ex fidanzata, che si dice disposta a rimettersi insieme se venderà tutto e lascerà per sempre il selvaggio e violento west, si presenta all'appuntamento in un hotel cittadino con una borsa piena di denaro ma finisce in trappola! Mullaney ha in ostaggio la sua ragazza e dopo averlo tramortito e legato come un salame sta per gustarsi la sua vendetta quando la donna cerca improvvisamente di fermarlo venendo prontamente fermata dai due compari. Ma ecco che quando per Bannon sembra esser giunta la fine, irrompono i nostri con Carson che elimina i due scagnozzi e Tex che si butta all'inseguimento di Mullaney lesto come un fulmine a gettarsi dalla finestra col malloppo di Bannon mentre tutto intorno a lui fischiano pallottole. Una lo ha però colpito e le tracce di sangue portano Tex a scovarlo ed evitare il suo ultimo e inutile tentativo di colpirlo alle spalle. Per lui non c'è scampo, era un serpente velenoso, dice di lui Tex, che non morderà più. Mentre Bannon riavutosi può finalmente sposare la sua ragazza, ringraziare i due eroici rangers con la promessa che aiuterà le famiglie di quanti tra i suoi cowboys non hanno raggiunto il traguardo.
Con  i dsegni di Giacomo Danubio e i testi del bravo Pasquale Ruju riviviamo una delle tante storie che fan parte della tradizione del vecchio West, col duro lavoro dei mandriani e gli spazi infiniti dove le loro fatiche sono protagoniste con tanti esempi passati con successo sul grande schermo. Banditi e indiani per finire, a contorno di una trama avvincente e della immarcescibile simpatia e destrezza dei nostri Tex e Carson.

Color Tex n. 11
Agosto 2017

Commenti

  1. Il capo bianco dei Navajos ha la morte nelle mani

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

I rangers di Finnegan

Ulisse era un fico

Il Grande Blek - Raccolta n. 14

Il Grande Blek – raccolta n. 100

Da "Le Voci del Bosco" di Mauro Corona