Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2011

La valle del terrore

Immagine
In attesa dell'uscita del consueto numero speciale di giugno, noto come "Texone", mi è particolarmente gradito parlarvi di questo, unico e raro disegnato dal grande MagnusLa valle del terrore.
A quindici anni dalla morte di Roberto Raviola - Magnus - e dall'uscita di questo speciale n.9 mi sono rituffato in questa avventura dal tratto inconfondibile e caratterizzato dalla cura maniacale per i dettagli che sono costati 7 anni di fatica in luogo dei previsti 5; la sua ultima fatica e credo il suo lascito più prezioso per noi amanti e quasi coetanei del ranger più famoso d'Italia. La storia prende spunto da fatti veri accaduti nei primi dell'800 in California, dove John Sutter, emigrato dalla Svizzera era riuscito a crearsi una fortuna ottenendo dal governatore il permesso di colonizzare una vasta area partendo dal villaggio di Yerba Buena che sarebbe poi diventata San Francisco. Col tempo divenne quello che tutti chiamavano "l' Imperatore della Calif…

Il Grande Blek – raccolta n. 99

Immagine
Da tempo le Edizioni If hanno ripubblicato tutte le strisce della mitica EsseGessE e sono andati oltre cercando anche inediti per il mercato italiano, reperendoli dalla prestigiosa testata italo-francese, Éditions Lug che su Kiwi pubblicò tutti i numeri della serie originale in Francia - Blek le roc lo chiamavano - per affidare poi ad altri disegnatori il compito di continuare il lavoro dei creatori una volta che terminarono e fino a tutto il 2003. In questo albo n.99 della raccolta dedicata al biondo trapper ci sono 2 episodi ben illustrati per il mercato francese, cercando di mantenere il tratto familiare dei personaggi resi magistralmente dai loro creatori. Con la stessa gioia che provavo da piccolo nell'acquistare
questo fumetto mi sono imbattuto in edicola nel numero che contiene:

TRA ALTI E BASSI
un episodio disegnato da André Amouriq con il nostro eroe attirato in un tranello dal perfido agente di sua maestà B23 che riesce anche a carpirgli i nomi dei più importanti patriot…

Venezia è un pesce. di T.Scarpa

Immagine
I palazzi che vedi, le architetture di marmo, le case di mattoni non si potevano costruire sull'acqua, sarebbero sprofondati nel fango. Come si fa a gettare fondamenta solide sulla melma? I veneziani hanno conficcato nella laguna centinaia di migliaia, milioni di pali. Sotto la basilica della Salute ce ne sono almeno centomila; anche ai piedi del ponte di Rialto, per contenere la spinta dell'arco di pietra. La basilica di san Marco poggia su zatteroni di rovere, sostenuti da una palafitta d'olmo. I tronchi se li sono procurati nei boschi del Cadore, sulle Alpi venete; li hanno fatti scendere fino alla laguna lasciandoli galleggiare lungo i fiumi, sul Piave. Ci sono larici, olmi, ontani, querce, pini, roveri. La Serenissima è stata molto accorta, ha avuto sempre un occhio di riguardo per questo patrimonio di legno; leggi severissime salvaguardano le foreste… Stai camminando sopra una sterminata foresta capovolta, stai passeggiando sopra un incredibile bosco alla rovescia. S…

Anatra all'arancia meccanica. di Wu Ming

Immagine
Una serie di moderne novelle per racconatare il primo decennio del nuovo millenio. Wu Ming colpisce ancora e ci fa sorridere e riflettere su questo nuovo anno 0. C'è n'è per tutti, senza sconti di fazione o latitudine ... da leggere. Un solo consiglio non leggete la prefazione, è uno strazio di luoghi comuni e di parolone vuote.
«- Salve, Anatrino. Finalmente si può parlare da persone civili.
- Io non sono una persona civile. Almeno non secondo i vostri canoni borghesi di civiltà. Io sono il prodotto di decenni di sfruttamento e abbrutimento a cui voi mi avete condannato. Sono incazzato nero e non ho intenzione di farmi leccare il culo. Sappiatelo.»
«- [Sei] un papero che non ha ancora visto la luce. Ti offro la possibilità di salvarti, abbracciando la fede nell’unico Dio, prima che per te e per i tuoi amici sia troppo tardi. A me interessa colpire al cuore la Grande Puttana che chiamano America. Se tu e i tuoi accettate di passare dalla nostra parte, potremo avere ragione dei no…