Il Grande Blek – raccolta n. 100

il grande Blek

Un numero 100 davvero straordinario per questa raccolta che vede all'opera diversi disegnatori alle prese con il biondo trapper. Ben 5 episodi che si leggono con sempre rinnovato piacere. Si inizia con

Blek contro BlekDisegnato da Bertrand Charles, primo straniero a misurarsi con le avventure del nostro eroe. E ne disegna addirittura due, ponendoli in competizione tra loro in una storia che vede Blek attirato in un tranello a Boston e con i suoi due inseparabili amici mette a soqquadro l'intera città per scappare. Il Governatore aiutato dal perfido dottor Ralph escogita un piano che sfrutta la straordinaria somiglianza di un suo ufficiale per screditare Blek e i suoi compagni, facendogli compiere rapine e assalti per addossargli tutte le colpe. Il nostro ben presto dimostrerà la sua innocenza smascherando il falso sosia a suon di legnate e portandolo legato come un salame al Governatore Jasper in persona che credendolo il suo ufficiale lo ricompenserà con la taglia pattuita di 1000 sterline.

La valle dell' oroDisegnato da Mario Cubbino, vede Blek alle prese con una storia "fantastica" che ha visto tanti personaggi dei fumetti puntualmente coinvolti: il ritrovamento di una città Atzeca nascosta per secoli da un canyon. Catturati i nostri, passata la meraviglia delle piramidi e tetti d'oro, riescono a liberarsi dal dispotico e sanguinario usurpatore, sconfiggendolo e riconsegnando il potere all' illuminato e pacifico predecessore, garantendogli continuità di vita pacifica e lontana dalla "civiltà" dell'uomo bianco ingorda di oro.  Blek farà saltare con l'esplosivo l'ingresso stretto del canyon, e il Prof. Occultis tirerà fuori qualche tegola d'oro da mostrare agli sbigottiti amici, in precedenza … intascata. Servirà alla causa dei patrioti.

La grande cavalcataDisegnato da Vincenzo Chiomenti, è considerata una storia apocrifa, ovvero realizzata quando ancora il personaggio era nelle mani della EsseGessE. I nostri vengono attaccati, di ritorno da una battuta di caccia, da un gruppo di indiani Sioux comandati da un misterioso individuo che si cela sotto un enorme cappello ed è avvolto da un mantello. Realizzano subito che l'obbiettivo vero è il vicino Fort Leroux dove una guarnigione francese è sotto la minaccia degli indiani e dei loro alleati inglesi. Naturalmente riusciranno a salvare il forte e smascherare le spie, tra le quali spicca il capitano francese Benoit che in realtà era una spia inglese. Il sobillatore degli indiani, anche lui ufficiale inglese, verrà catturato. Occultis avrà bisogno di molto rum per riaversi dalle tante emozioni di questo episodio.

Sibyl e VanessaDisegnato da Carlo Cedroni, uno dei più validi interpreti del personaggio al di fuori della EsseGessE vede due "furbette del quartierino" entrare in azione su ordine del comandante inglese del forte, con le loro moine atte a far ingelosire e mettere contro Gatto Selvatico, capo dei Chatanna alleati dei trapper, al suo amico Blek. Scoperto l'inganno le due verranno rispedite al forte legate e con tanto di cartello denigratorio appiccicato alle spalle.

Avventura sul San LorenzoUna chicca disegnata con estrema cura da Aldo Capitanio con la supervisione di Dario Guzzon in persona … Blek ritira dei documenti importanti in Canada e li consegna ai suoi 2 amici per recapitarli all' Avv, Connolly mentre lui tenta di fermare le Giubbe Rosse facendo saltare un ponte. Ferito e in balia della corrente viene tratto in salvo da una strana popolazione che parla una ancor più strana lingua misto francese e piemontese. Infatti sono i discendenti di un migliaio di Piemontesi, Savoiardi e Lorenesi che partirono nel 1665 dal porto di La Rochelle per assicurare punti fortificati in Quebec aiutando l'alleato francese. Anche loro auspicano una Libera America e si sono mischiati alle tribù Algonchine dando vita ad una nuova razza che ha però mantenuto intatte le tradizioni tanto che Blek avrà modo di apprezzare la bagna càuda e porterà ai suoi trapper una bottiglia di Genepy che Occultis apprezzerà come al solito.

Decisamente da collezione questo numero 100 di Giugno 2011


Commenti

  1. concordo anche se i ricordi vanno decisamente agli storici della essegesse

    RispondiElimina
  2. guzzon sinchetto e sartoris
    han fatto sognare milioni di ragazzi fin dagli anni 50

    RispondiElimina
  3. Io ho cominciato con lo uomo ragno, thor e i vendicatori e o fantastici quattro editi dalla leggendaria corno... il trio essegesse me lo son perso ma lo conosco di fama...;-))

    RispondiElimina
  4. u'carca ricordati di dago che qui
    è molto apprezzato e la gente vogliono che esci una rece

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

Color Tex N.12

Da "Le Voci del Bosco" di Mauro Corona

Color Tex N.11 - COWBOYS

Fosse 'a Madonna

Blek il nemico dei Piedi Neri