Anatra all'arancia meccanica. di Wu Ming

Una serie di moderne novelle per racconatare il primo decennio del nuovo millenio. Wu Ming colpisce ancora e ci fa sorridere e riflettere su questo nuovo anno 0. C'è n'è per tutti, senza sconti di fazione o latitudine ... da leggere. Un solo consiglio non leggete la prefazione, è uno strazio di luoghi comuni e di parolone vuote.

«- Salve, Anatrino. Finalmente si può parlare da persone civili.

- Io non sono una persona civile. Almeno non secondo i vostri canoni borghesi di civiltà. Io sono il prodotto di decenni di sfruttamento e abbrutimento a cui voi mi avete condannato. Sono incazzato nero e non ho intenzione di farmi leccare il culo. Sappiatelo.»

«- [Sei] un papero che non ha ancora visto la luce. Ti offro la possibilità di salvarti, abbracciando la fede nell’unico Dio, prima che per te e per i tuoi amici sia troppo tardi. A me interessa colpire al cuore la Grande Puttana che chiamano America. Se tu e i tuoi accettate di passare dalla nostra parte, potremo avere ragione dei nostri nemici.
- Anche tu sei mio nemico, ruminante!»

«Qui, nel 1972, i dipendenti entrarono in sciopero improvviso e spontaneo, per non dover fare il pieno e servire il caffè a un politico di allora, Giorgio Almirante. Ne nacque una canzone popolare, forse una delle ultime,ancora la ricordo…»

«Come facciano questi cani sciolti italiani a ottenere narrativa di tale potenza e complessità da un lavoro collettivo resta un enigma, ma possano i loro tamburi suonare a lungo.»
The Independent

«E poi, come diavolo scriveranno a dieci mani i favolosi cinque? Capitan Sovietico scrive un capitolo e SuperGuevara un altro? Oppure scrive tutto l'Uomo Maoista e gli altri fanno l'editing? »
Libero


Benvenuti a 'sti frocioni 3
Una (dis)avventura di gruppo nel mondo del cinema

Pantegane e sangue
Coming out fascista di un celebre topo detective

Tomahawk
Una (dis)avventura di gruppo nell'editoria milanese

Canard à l'orange mécanique
L'ipotesi è sempre la rivoluzione. Quack!

Bologna Social Enclave
Di assemblee cosí ce ne saranno sempre 

La ballata del Corazza
Cosa c'è nel prosciutto che mangi

I trecento boscaioli dell'Imperatore
Letteralmente: segare i rami su cui siamo seduti

In Like Flynn
Una star del cinema e il suo amico per la pelle (bianca)

Gap99
La battaglia di Algeri... in discoteca

Momodou
Viaggio à rebours nel razzismo italiano

American Parmigiano
Storia di formaggio e di cervelli in fuga

Come il guano sui maccheroni
Una «fine ristrutturazione» nel centro storico di Bologna

L'istituzione-branco
Il mistero di un corpo sotto assedio

Roccaserena
Un blues sulla videosorveglianza

In mezzo alla polla sguazzava un pesce rosso
Ballata della mancanza d'acqua

Arzèstula
Immagini del futuro anteriore

Commenti

  1. Un giorno anche noi arriveremo al loro livello. Siamo un pochino indietro perchè 2 dei nostri sono ancora in allattamento, dopo 5 mesi di maternità e 6 di aspettativa facoltativa essendo loro facoltosi.
    Ma verrà il giorno!! Non so quando, non so se su questo mondo, ma verrà ..

    RispondiElimina
  2. sono i comunisti del gruppo ...

    RispondiElimina
  3. Pantegane e sangue l'avevo letto molto tempo fa, molto divertente. E' il topolino che avrei sempre voluto leggere

    ammetto però che per quanto riguarda lo "scrittore collettivo" non saprei da dove iniziare. Q è ben recensito e citato in ogni dove, ma non so se è il mio genere letterario, ed ho ancora manituana che aspetta di essere letto.
    qualche consiglio su come muovermi egregio?

    RispondiElimina
  4. allora ti posso dire di iniziare con Altai ... se ti piace ... dopo leggiti Q ... anche se da un punto di visto temporale sarebbe il viceversa ... ma li ho letti anch'io in questo verso e lo ho trovato dilettevole ... e capirai leggendoli ... Manituana, tra quelli letti fin'ora è quello più noioso da affrontare all'inizio ... ma poi è quello che si rileva più ricco, in quanto capitolo per capitolo si muovono modi di scrivere totalmente diversi ... tipici di un collettivo ... 54 quello più sorprendente ... naturalmente tutti li trovi da scaricare gratuitamente se vuoi ... compresi i racconti di cui al presente libro ...

    RispondiElimina
  5. assolutamente da leggere tra i racconti :

    Bologna Social Enclave

    alla faccia di Libero ... e dei suoi pregiudizi stupidi su WU MING ... loro non sarebbero mai riusciti a prendere in giro così bene il Cretinismo No Global, No Topa e No etc...

    RispondiElimina
  6. i WU MING stampano libri sotto Creative Commons. Quanti autori "de sinistra" avrebbe fare il coraggio di fare una cosa simile? quindi tanto di cappello per la coerenza.
    grazie per le dritte!

    RispondiElimina
  7. http://www.wumingfoundation.com/italiano/downloads_ita.htm

    la pagina dei download

    RispondiElimina

Posta un commento

i vostri commenti sono molto apprezzati

Post popolari in questo blog

Color Tex N.11 - COWBOYS

Stanlio & Ollio

Il Grande Blek

I dodici Cesari

Il Grande Blek – raccolta n. 100